Autore - Paola Tabusso

Colore

E volta a volta traversando il bellissimo Piemonte da Torino a Chieri e Asti, o nella valle di Susa o verso Vercelli tra i risi e i prati opulenti, ci vien fatto di scoprire le forme, gli episodi, i ritmi, le cadenze, i colori inventati da Tabusso. E riconsciamo il ciliegio con la scala appoggiata al tronco, il cacciatore pronto sulla quaglia frullante ai margini del granturco o ai limiti del campo, il taglio di un orizzonte, le curve di una collina, la fattura di una casa o di un tetto. Sarebbe così anche se volessimo recuperare in Inghilterra o in Russia quelle situazioni da cui Tabusso ha preso le mosse per alcuni dei suoi quadri più incantati. E ciò anche se i giocatori di bocce della sua Rubiana distesa e raccolta nella morbida conca a ridosso delle grandi montagne, sono parenti molto stretti delle guardie reali di Londra o dei contadini delle pianure di Russia. Piercarlo Santini, dalla presentazione della mostra a Lucca del 1960

Leggi di più...

29 gennaio

Ha aspettato una delle più copiose nevicate degli ultimi vent’anni per andarsene. Ha voluto assicurarsi che le scuole fossero chiuse, la circolazione difficile, qualcuno a costruire pupazzi al Valentino o giocare a tirarsi palle, come usava quando eravamo ragazzi, che la fioca era un pretesto per guardare fuori dalla finestra e divagare coi pensieri. Non uscire di casa, mettersi addosso un plaid, bere un te caldoe gioire della morsa dell’inverno. I rumori attuti, il caos dimenticato, un inconsueto silenzio. Il momento migliore per dire addio alla Crocetta, sollevarsi dalla terra e volare via come un omeno del suo amato Chagall. Francesco Tabusso ci ha lasciati domenica 30 gennaio, quando Torino si risvegliava assonnata e coperta da un manto bianco. La sua città gli ha regalato l’ultima nevicata, il soggetto prediletto della sua pittura, quello che amici e collezionisti amavano di più, nonostante sia stato autore di quadri altrettanto efficaci e intensi. È vero, quando scompare un artista antico come era lui, c’è il rischio di ricordarlo con troppa nostalgia, prigionieri di quel sentimento d’antan che se non riesce a riportarci indietro nel tempo almeno ci regala l’illusione dell’eterna giovinezza. Emerse, lui strenuamente figurativo, nella stagione dell’Informale astratto con i suoi coetanei [...]

Leggi di più...

Fiabe e Boschi e la Pinacoteca di Rubiana

A seguito della cittadinaza onoraria conferitagli dal Comune di Rubiana nel 2016, Francesco Tabusso volle avviare l’allestimento di una Pinacoteca comunale nell’intento di sviluppare, attraverso il racconto e l’incanto della pittura, l’amore e la conoscenza della natura e dell’arte.  Donò così un suo dipinto al paese della Valle di Susa dove aveva trascorso con la famiglia gli anni dell’infanzia da sfollato e tante stagioni della sua vita.     Di edizione in edizione la manifestazione «Fiabe e Boschi» è cresciuta coinvolgendo numerosi artisti, che hanno generosamente donato un’opera da collocare nei locali messi a disposizione dal Comune; la collezione ha così potuto arricchirsi ogni anno con opere, tra gli altri di Francesco Casorati, Romano Campagnoli, Giacomo Soffiantimo, Tino Aime, Antonio Carena, Raffaele Mondazzi, Enrico Colombotto Rosso e molti altri. Partecipano da sempre alla manifestazione anche i ragazzi delle classi quinte della scuola elementare di Rubiana,  invitati all’esercizio delle arti grafiche attraverso un vero e proprio concorso di pittura dove mettersi alla prova. Dal 2014 Fiabe e Boschi si svolge a cadenza biennale e anche la casa di famiglia diviene sede espositiva aperta al pubblico.  

Leggi di più...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti per le statistiche e per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per ulteriori dettagli visita la Cookie Policy.
Cookie Policy – Privacy Policy